Sagra da Sujaca di Caria: la sagra che si migliora sempre

Il 6 agosto è andata in scena una delle sagre più piacevoli e coinvolgenti del circondario: la Sagra da Sujaca (fagioli) di Caria. Brattiro.net l’ha vissuta per voi.

Gli stand sono tutti ordinatamente piazzati all’interno di un grande, ideale, corridoio. Ci sono infatti due arcate in cartone piazzate a fare al contempo da entrata e uscita, in cui si trova scritto “Benvenuti/Arrivederci”. All’interno di questo corridoio, i ragazzi in maglia gialla accolgono tutti col sorriso.

Lo stand principe è quello del “piatto”. Con soli 10 euro si può avere un menù completo di prelibatezze nostrane. Infatti, non solo sono presenti i fagioli, vista la sagra a loro dedicata, ma anche: nduja di Spilinga, cipolla rossa di Tropea e pecorino del Poro. In questo succulento menù, i fagioli vengono serviti sia da soli, conditi con sale e olio, sia con i fileja, la pasta tipica delle nostre zone. All’interno di questo menù sono incluse un bicchiere di vino o bibita e anche l’Amaro del Capo, come tocco di classe in più.

E se pensate che sia finita qui, vi sbagliate! Un altro stand tutto dedito alla “sujaca scianghiata”, cioè cucinata col pomodoro e la cipolla, e all'”insalata” di sujaca, novità di quest’anno.

Ma a Caria hanno deciso di pensare proprio a tutti! C’è infatti lo stand per gustare il classico panino con salsiccia o filetto e persino uno stand con menù per celiaci, fatto in collaborazione con AIC (Associazione Italiana Celiaci). E ancora angurie, pannocchie e ovviamente la sangria.

Ma la vera ciliegina sulla torta è stato il questionario che veniva consegnato alle casse. Sicuramente in molti avranno pensato di fregarsene, ma i ragazzi di Caria sono sempre un passo avanti! Infatti, se si compilava il questionario e lo si consegnava allo stand dell’anguria o a quello della sangria, queste venivano scontate di 50 centesimi. Davvero una bella idea! Soprattutto perchè davvero questi ragazzi vogliono conoscere l’opinione del pubblico che ormai da un pò di anni affluisce sempre più numeroso alla Sagra da Sujaca. Inoltre, sempre perchè si è pensato a tutti, il questionario era scritto anche in inglese.

Il Questionario

Questa era la parte mangereccia, ma anche quella del divertimento non ha lasciato a desiderare!

Per i più piccoli, dal pomeriggio, per le vie di Caria ballano i Giganti di San Costantino. E continuano tutta la serata, portando gioia attraverso i tavoli e le persone in coda alle casse. Persino durante il concerto degli Amakorà, gruppo scelto per quest’anno, Mata e Grifone decidono di concedersi un ballo fra i giovani. Un plauso va anche a questo gruppo, gli Amakorà appunto, che hanno animato la piazza di Caria fino a tarda notte.Il concerto viene interrotto solo per un istante, quando di colpo partono i fuochi d’artificio e poi il “Camiuzzu i focu”.

Queste cose le hanno viste un pò tutti, ma quello che c’è dietro è altrettanto importante: un gruppo di giovani unito e compatto, che lavora di squadra. Una squadra in cui ogni talento è messo al servizio della sagra, in cui tutti si sentono una famiglia. Era proprio questa l’aria che si respirava fra gli stand. Un esercito di ragazzi in maglia gialla che ama il proprio paese.

Complimenti a tutti e siamo certi che la prossima edizione, sarà ancora migliore.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.